Massimo Vinti

Nome: Massimo

Cognome: Vinti

Colore occhi: Marroni

Colore capelli: Bruni

Sport: Danza, Nuoto

Canto: Pop

Lingue

Inglese

Francese

Spagnolo

Massimo Vinti è attore, autore e regista nell’ambito delle arti performative.
Nasce a Palermo nel 1982. Si trasferisce a Roma per iniziare la sua formazione di attore dove si diploma presso il Centro Internazionale La Cometa.
Vince il premio con migliore attore al RomaTeatroFestival per l’interpretazione nel Don Giovanni di Molière per la regia di Flavio Albanese.
Inizia a collaborare con Pierpaolo Sepe come assistente alla regia e successivamente come attore. Lavora per il Teatro Stabile di Innovazione del Veneto “La Piccionaia” recitando come protagonista ne “Gl’Innamorati” di C. Goldoni per la regia di Flavio Albanese.
E’ assistente alla regia di Alessandro Gassmann per “La forza dell’abitudine” e “La parola ai giurati”.
Lavora come attore ed assistente alla regia della compagnia SudCostaOccidentale di Emma Dante. Collabora con l’ente lirico Teatro Massimo di Palermo come attore ed assistente alla regia. Debutta al PalermoTeatroFestival come autore e regista con lo spettacolo “Che piacere” insieme a Lidia Miceli, raccontando il mondo grottesco e bigotto di due signore borghesi palermitane. Grazie a questi due personaggi entra a far parte del gruppo di giovani attori della trasmissione “Un due tre stella” di Sabina Guzzanti in onda su La7. Partecipa come attore al film “L’ora legale” di Ficarra e Picone.
Prende parte come attore coprotagonista alla rilettura in prosa dell’Aida prodotta dal Teatro Biondo Stabile di Palermo per la regia di Roberta Torre, regista con cui continua a collaborare nelle sue produzioni cinematografiche e televisive come attore in “Riccardo va all’inferno” ed “Extravergine” e come regista collaboratore in “Le Favolose”.
Parallelamente alla professione di attore coltiva la passione e l’interesse per la danza e la performing art attraverso occasioni di studio con maestri e compagnie come: Virgilio Sieni (Scuola sul Gesto e il Paesaggio), Peeping Tom (College Biennale di Venezia), Julie Stanzak (Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch), Giorgio Rossi (Compagnia Sosta Palmizi), Balletto Civile.
Il suo ultimo lavoro come autore, attore e regista insieme a Dario Muratore è lo spettacolo prodotto dal Palermo Pride “Duemillimetri”, che racconta la tragica vicenda del delitto di Giarre, un duplice omicidio di matrice omofoba compiuto verso due giovanissimi ragazzi che avevano deciso di amarsi nella provincia siciliana degli anni 80.
Recentemente ha curato la direzione creativa dell’evento “Uomini che vengono dal mare” commissionato del Comune di Mazara del Vallo in occasione del restauro dell’omonima opera di Pietro Consagra.

Massimo Vinti